13 Nov 2018 00:00:00 AM Ultime news

Leonardo Puca e il sogno della maglia azzurra - Convocato al raduno nazionale under 20 di Grosseto a fine ottobre


Leonardo e Corrado con Gianni Tozzi, responsabile settore ostacoli, a sinistra e Fabrizio Mori, olimpionico, detentore del record italiano sui 400hs, a destra


Leonardo Puca, ostacolista dell’Atletica L’Aquila, è stato convocato al raduno nazionale under 20 in programma dal 31 ottobre al 4 novembre prossimi a Grosseto e riservato ad atleti attenzionati dalla federazione di atletica leggera in vista degli eventi internazionali under 20 ed under 18 in programma nel 2019. Leonardo fa parte di una rosa di novanta atleti nati tra il 2000 e il 2002, 41 uomini e 49 donne, tra questi dodici sono gli ostacolisti di cui tre uomini e nove donne. Vanta nel suo palmaresdue titoli italiani; nel 2015 a Sulmona sui m 300 a ostacoli Cadetti e nel 2017 a Rieti sui m 400 a ostacoli Allievi. Quest’anno con il passaggio alla categoria Juniores ha conquistato la medaglia d’argento ai Campionati Italiani di Agropoli (Sa), sfiorando per un soffio il titolo italiano. Il suo 52”27 ottenuto appunto ad Agropoli sugli ostacoli h 91 cm, costituisce la terza prestazione italiana stagionale di categoria e record regionale Juniores. Nel corso dell’anno il giovane atleta, classe 2000, ha continuato la sua escalation con ottime perfomance fisiche, che lo hanno portato ad ottenere un altro record regionale juniores sui m 400 piani con 47”88, che costituisce anche la sesta prestazione italiana stagionale di categoria. Inoltre, nel corso dell’anno, è riuscito anche a scendere sotto i 22 secondi nei m 200 piani, correndo il mezzo giro di pista in 21”94, primato personale. Allenato da Corrado Fischione, ha ripreso la preparazione atletica a Milano, dove si è trasferito per i suoi studi universitari, allenandosi presso lo stadio “XXV Aprile”. Leonardo, più di una volta, è arrivato vicino dal vestire la maglia azzurra della nazionale, come nel 2017 per gli europei under 20 e nel 2018 per i mondiali di categoria. La sua determinazione non si ferma qui, come il sogno con “così tanti ostacoli” della maglia azzurra. Forza Leonardo!